Carrello

 x 

Carrello vuoto

Facebook

La perfezione del cerchio
Una saga famigliare, dalla metà dell’800 sino al 1975, una storia fatta di tante storie staccate, capitoli che descrivono vicende, le più diverse possibili, di uomini e di donne, in un tratto della loro esistenza, senza un nesso preciso, senza una conclusione immediata, vicende che si svolgono in Sicilia, ma anche in Inghilterra, Egitto, Parigi, Genova. Racconti di incontri, di amori, di vita e di morte, di personaggi che ruotano attorno alla stirpe dei baroni di Calatrazza. Storie staccate che però s’incamminano verso una meta che solo in ultimo appare unitaria. Infatti, nella parte terza tutto trova una spiegazione, una giustificazione e il mosaico viene composto per dare vita a un finale sorprendente.
Sperduti nel buio
Si sente un tonfo: qualcuno precipita nel vuoto e finisce sul selciato di un vicolo della “Civita”. Don Procopio Ballaccheri e Cicca Stonchiti, insieme a Peppininu dô Furtinu, si imbattono nel corpo, apparentemente esanime, dell’uomo e vi riconoscono il famoso scrittore Nino Martoglio. Quest’ultimo, che era solo svenuto, si risveglia. In seguito alla caduta, però, egli ha smarrito la memoria e crede di essere D’Artagnan. Procopio, Cicca e Peppininu cercano di fargli recuperare l’identità, conducendolo in luoghi di Catania a lui notissimi. Soltanto l’intervento dell’anima di Pippo Fava restituirà allo smemorato il ricordo di sé. Martoglio potrebbe risalire fino al piano superiore da cui era precipitato, ma l’amore per Catania e il suo popolo lo induce a rinunciare e a restare catanese tra i catanesi.
I Monti Silvestri
«L’intento della presente pubblicazione è quello di colmare una lacuna sulla trattazione dell’eruzione del 1892 e, nello stesso tempo, quello di ricordare l’illustre figura del vulcanologo, chimico, geologo e naturalista quale fu il prof. Orazio Silvestri, nativo di Firenze, ma siciliano di adozione. L’idea di realizzare una pubblicazione sui Monti Silvestri e su Orazio Silvestri è nata […] per soddisfare le continue richieste di notizie, da parte dei numerosi turisti, sull’origine e sulla denominazione dei conetti vulcanici denominati Crateri Silvestri». (Dall’Introduzione dell’Autore)
Il commissario Santi
Un bel giorno, il commissario Emilio Santi decide di scrivere una lettera di reclamo a Dio, mettendolo al corrente di come la vita sulla Terra non sia tutta rosa e fiori. Alla lettera, allega anche una serie di indagini poliziesche in cui si è imbattuto durante la sua carriera, in modo da fornirgli una finestra da cui osservare il mondo e la psicologia degli esseri umani, un vero e proprio labirinto tutto da scoprire. La città in cui si svolgono le indagini è Belizia. Nel corso della storia il commissario Santi mostrerà il suo carattere e il suo intuito naturale a smascherare gli artefici di piani orditi contro il prossimo.
Pazzie che rifaresti ancora
Viviana e Linda si ritrovano sedute allo stesso banco di scuola e, nonostante caratteri ed esperienze diverse, diventano amiche, condividendo in armonia pensieri, tempo, passioni, avventure, nuove consapevolezze. Nell’evoluzione della crescita però l’amicizia vacilla. S’innesta tra loro una sorta di rivalità che le allontana proprio nel momento in cui avrebbero più bisogno l’una dell’altra. Quando scoprono la dolcezza e la fugacità dei primi innamoramenti e del sesso, quando assaporano i frutti della trasgressione o sperimentano la fragilità dei rapporti interpersonali, reagiscono in maniera completamente opposta. Alla fine del percorso scolastico avranno raggiunto la maturità? Avranno ottenuto finalmente la libertà tanto agognata?

Ricerca

Calendario

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2
3
4
5
7
9
11
15
16
17
21
22
23
24
25
27
29
31

News