Carrello

 x 

Carrello vuoto

Facebook

Non c'è corpo perfetto
«Da questi versi si conferma in pieno l’intelligenza poetica di un autore che non cade nell’errore di muoversi in senso univoco, ma che nella sua meditazione sa, anche per esperienza, che la lettura critica dell’esserci e del mondo offre ogni volta numerose sfaccettature, nuove possibili rivelazioni. Ed è un mondo, quello che rientra nel vasto campo visivo di Toni, nel quale, tra un abisso metaforico e l’altro, pure “occhieggia una bellezza ruvida e transitoria”. E non è poco, nell’aspro manifestarsi quotidiano di immagini belle e tremende, fragilissime e mirabili, come quelle, ci dice con pronuncia asciutta e scandita il poeta, con vigore espressionistico e insieme con umanissima pietas, di “quei corpi da proteggere”, quelli che lui stesso vedeva “alla stazione: denti su denti, / crani su crani”». (Dalla Prefazione di Maurizio Cucchi)
Una telefonata
Una telefonata e Antonio, con il pensiero, ripercorre trentotto anni di vita. 1969, Zell Am See, Austria, dipinge dei pannelli sulla facciata di un hotel, conosce un complesso rock, ne fa parte, partecipa a una tournée in Austria e poi in Germania. Piermasens, il Blaue Grotte, Kristen: un’intensa storia d’amore. Purtroppo, Antonio deve rientrare in Italia per motivi di lavoro, Kristen non accetta questa sua partenza e da quel momento sparisce. Dopo trentasette anni, una telefonata: è Ingrid, una responsabile dell’Endemol di Colonia, lo informa che in Germania ha un figlio che lo cerca da tantissimi anni. Da quel momento la corrispondenza diventa fitta. Pensa, con angoscia, al dramma che Kristen ha dovuto vivere da sola. Si chiede perché non gli abbia mai fatto sapere nulla. Poi, nel giugno del 2008, in aeroporto per incontrare il figlio, è agitatissimo, deve farsi forza per non tornare indietro. A un tratto si apre la bussola e, fra i passeggeri, viene fuori un ragazzone. Antonio lo stringe a sé, in un muto loquace silenzio dell’anima.
Sicilia terra d'amore
Tredici racconti intensi, carichi di storia e di vicende emozionanti, rievocando un passato non molto lontano. Anche se spesso non vengono citati nomi e luoghi precisi, queste storie sono autentiche e appartengono alla nostra Italia. Tempi andati, un po’ ingialliti come in una vecchia fotografia in bianco e nero. Viene raccontata la terra di Sicilia con le sue contraddizioni e la sua struggente bellezza. Piangeremo per Annina, per Maria Rosa, avremo paura della mafia e scopriremo che tutto questo era soltanto ieri.
Quando il sole si nasconde
Le ombre delle nostre esistenze, che ci ostiniamo a far tacere in modo cosciente o inconsapevolmente, talvolta ci svelano quelle verità scomode e inconfessabili e, nel bene o nel male, spiegano chi siamo. È un atto necessario di coraggio e d’amore verso noi stessi conoscerle, ma per giungere a tale traguardo bisogna intraprendere il viaggio più lungo e arduo che ogni essere umano può affrontare, partendo dal microcosmo familiare che può essere l’origine di quelle ombre. Alessio, il giovane protagonista degli anni Ottanta di questo romanzo breve, spinto dal bisogno di trovare un’identità e l’affetto, che non ha mai avuto fino in fondo, e dalla voglia di sfuggire a una madre che egli non riconosce come tale e che lo ha affidato ai suoi stessi silenzi e tormenti, intraprende il suo viaggio andando incontro a un destino sorprendente: gli si sveleranno affetti e dolori inaspettati, vivrà di espedienti estremi che gli faranno sperimentare l’annichilimento mascherato di mondanità e piaceri materiali, fino a sfiorare gli inferi. Ma cosa l’attende, una volta varcata la soglia dalle ombre della sua esistenza, dopo aver smascherato gli inganni di un falso sole?
Catania negli occhi e nel cuore
“Literis Armatur” e “Armis decoratur”. Si dice che in queste due iscrizioni sia compendiato il carattere dei catanesi, la cui forza sta nella cultura e il cui decoro sta nella forza. Non a caso il re Alfonso d’Aragona, al tempo dell’istituzione dello Studium generale alla città di Catania (1434), affermava che la città etnea aveva “abitanti inclini allo studio, doni naturali di bellezza e di salubrità, un cielo di cui nessun altro più puro, un suolo di cui nessun altro più fertile, una posizione incantevole”. è questo che ci ha stimolato a scrivere della nostra città. Che bella lo è ancora, anche se…
La farfalla
Una passeggiata notturna in compagnia del “signor Diavolo”, la tragica fine, in una notte di tempesta in mare, di compare ’Ntoni, vecchio pescatore, e dei suoi sette figli, la vecchia leggenda del monachicchio, la realtà di chi deve affrontare quotidianamente le problematiche dell’emarginazione, del rifiuto, perché la propria identità di genere viene vista come qualcosa di repellente. Racconti legati al presente e altri che arrivano da fatti di paese accaduti in tempi più lontani, che vagano dalla cronaca reale alla pura invenzione narrativa. Una raccolta di ricordi e avvenimenti che racchiude in sé personaggi, epoche e sentimenti diversi fra loro. Questi racconti sono finestre spalancate su mondi cari all’autore, che ci fanno intravedere l’amore per la terra di Calabria, con la sua anima forte e generosa, l’abbraccio ritrovato con amici perduti, i viaggi silenziosi degli emigranti, l’allegria delle feste di paese. Il tutto raccontato con una intensa partecipazione e con una profonda analisi dei caratteri dei vari personaggi.
Il fuggiasco
Eric è un ragazzo ebreo che attraversa un periodo della storia molto difficile, ovvero quello della Seconda Guerra Mondiale. Si muove nel tessuto denso della storia, tra fughe rocambolesche e imprevisti. È un fuggiasco, in quanto, per quasi l’intero romanzo, sarà in fuga dai nazisti…

Ricerca

Calendario

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
4
6
7
8
9
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

News